Venerdì, 07 Luglio 2017 06:15

Bikini

Written by
Rate this item
(0 votes)
Adriana Lima in bikini Anche se ha già compiuto i suoi 70 anni , direi che se li porta meravigliosamente bene. Come già sappiamo il Bikini è un costume da bagno femminile a due pezzi dalle piu’ svariate forme e colori. Ufficialmente il Bikini moderno fu creato nel 1946 dal sarto francese Louis Réard e il suo nome lo prende da un atollo del Pacifico chiamato appunto Bikini nelle Isole Marshall. Quando fu creato , era stata appena lanciata la bomba atomica e gli Stati Uniti in quegli anni facevano regolari esperimenti atomici in quell’ isola . Réard ritenendo che questo costume a due pezzi che lasciava scoperta la pancia delle donne, avrebbe fatto effetto bomba sulla cultura di tutto il mondo , lo battezzò con questo nome. All’ inizio fu proibito per molti anni prima di essere accettato dalle varie culture puritane che lo ritenevano scandaloso. Tuttavia le sue antiche origini risalgono all’ antica epoca Greco e Romana , come scoperto da alcuni ritrovamenti di affreschi e mosaici , quindi possiamo dire che la moda e la storia vanno sempre di pari passo . Come per tutte le creazioni di moda , il cinema è stato di fondamentale importanza per sradicalizzare il pregiudizio sul bikini e lo ha reso famoso in tutto il mondo.L’attrice pioniera che indossò questo costume sul grande schermo scandalizzando l’opininone pubblica fu Jayne Mansfield negli anni 50 . Sono molto orgogliosa di dire che il mio paese d’origine , il Brasile, la fa da padrone perché produce e commercializza un infinità di modelli con tessuti di qualità , anche se nel mio paese il boom del bikini ci fu negli anni 60 per merito di Brigitte Bardot che indossando questo costume sulle nostre spiagge divenne un icona.
Bigitte Bardot in bikini su materassino
Bigitte Bardot in bikini.
Una delle prime marche brasiliane ad avere successo è stata la Blue Man nata negli anni 70 , famosa per aver lanciato il modello bikini jeans. Essendo questo tessuto non elastico ebbero l’idea di tagliare il pezzo sotto ai lati , così nacque il modello con i laccetti che vediamo tutt’ora nelle spiagge. Negli anni 80 si era arrivati al massimo dell’osare infatti i modelli chiamati Fio Dental e Asa Delta spopolavano.
Fio Dental model
Fio Dental model
CLAUDIA SCHIFFER in ASA DELTA model
CLAUDIA SCHIFFER in ASA DELTA model
Poi con il passare del tempo si è tornati a ricoprire il corpo un po’ di più anche a causa del problema di esporre meno la pelle ai raggi solari ma il bikini non ha mai perso il suo fascino .Una citazione la merita inoltre un noto stilista di indumenti da spiaggia , Almir Slama famoso per aver creato il brand Rosa Cha che tra l’altro ha avuto collaborazioni anche in Italia con Yamamay.
NAOMI CAMPBELL in ROSA CHA
NAOMI CAMPBELL in ROSA CHA
Il bikini brasiliano e il suo stile vengono attualmente esportati in tutto il mondo e la qualità del prodotto va sempre migliorando . Oggi è un vero business, questo indumento si è trasformato da un semplice costume da bagno ad un accessorio vero e proprio da abbinare con bluse, shorts, caftani , borse ,asciugamani ecc. e anche i grandi marchi di alta moda hanno inserito nelle loro collezioni le loro versioni di moda mare . Tra le marche brasiliane che vanno per la maggiore oggi, le mie preferite sono la Salinas e l’Agua de Coco
SALINAS beach fashion
SALINAS beach fashion
AGUA DE COCO beach fashion
AGUA DE COCO beach fashion
Read 1013 times Last modified on Venerdì, 13 Ottobre 2017 16:41

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.